Skip to content Skip to navigation

Sezioni

Raccolte di arte e artigianato

Anima e corpo 

Arte Sacra
Il vasto ambiente dominato dalla celebre Madonna di Piazza di Antonio Begarelli (1499 - 1565), fu destinato all’Arte Sacra agli inizi del Novecento. Vi trovano collocazione pitture, sculture, oreficerie e arredi di uso liturgico che documentano le vicende della produzione figurativa a Modena e nel suo territorio dal Medioevo al Settecento.  
... Scopri di più
Visita la gallery

 

 

Le forme del suono

Strumenti musicali
La formazione della raccolta è legata al progetto di veder rinascere localmente la tradizione di alto artigianato fiorita nel Settecento e nel primo Ottocento intorno alla corte estense. Si pone perciò un’attenzione speciale ai grandi liutai modenesi come Pietro Termanini, autore del pregevole cembalo datato 1741, Domenico Bertani, Antonio Apparuti.
... Scopri di più
Visita la gallery

 

 

 

Modelli esemplari 

Terrecotte, cuoi, carte decorate, pesi e misure
La sala ospita da sempre raccolte eterogenee e costituisce oggi uno dei luoghi in cui maggiormente si evidenzia la funzione del Museo come repertorio di modelli per l’artigianato e l’industria.
... Scopri di più
Visita la gallery

 

 

Gli strumenti dello scibile

Strumenti scientifici
L’origine della raccolta è connessa alla cultura positivista del primo direttore Carlo Boni e al suo concetto di museo come laboratorio di esperienze avanzate. A questo aspetto si intreccia il suo desiderio di raccogliere strumenti antichi utili ad illustrare le diverse fasi del progresso delle scienze.
... 
Scopri di più
Visita la gallery

 

 

L’arte di mettere in tavola

Ceramiche e vetri
La sala espone ceramiche provenienti dal territorio emerse durante scavi e ristrutturazioni, o disponibili sul mercato, ma anche da importanti donazioni che hanno arricchito soprattutto il gruppo di maioliche. 
... Scopri di più
Visita la gallery

 

 

 

 

Ferro e fuoco

Armi, morsi e sproni
La donazione del marchese Paolo Coccapani Imperiali (1898) costituisce quasi per intero la raccolta di armi, comprendente armi da fuoco, armi bianche e armi in asta, prevalentemente europee, databili tra il XV e il XIX secolo
... Scopri di più
Visita la gallery

 

 

 

Trame d’incanto

La collezione tessile del conte Luigi Alberto Gandini
In una sala che conserva il suggestivo allestimento ottocentesco è esposta un'ampia selezione della prestigiosa collezione tessile donata dal conte Luigi Alberto Gandini nel 1881-1882.
... Scopri di più
Visita la gallery

 

 

 

Collezionisti si nasce

La galleria del marchese Matteo Campori
La sala accoglie i dipinti provenienti dalla Galleria del marchese Matteo Campori, originariamente collocata nel palazzo di famiglia di via Ganaceto, donato insieme alle opere e agli arredi al Comune nel 1929.
... Scopri di più
Visita la gallery

 

  

Collezionisti si diventa

Dipinti e argenti del commercialista Carlo Sernicoli
La sala ospita dipinti e argenti appartenuti al modenese Carlo Sernicoli, amatore d’arte e collezionista mosso dalla volontà di recuperare opere legate alla cultura artistica della sua regione.
... Scopri di più
Visita la gallery
 

 

 

Gipsoteca “Giuseppe Graziosi”

La gipsoteca è stata istituita nel 1984 in seguito alla donazione da parte degli eredi di una cospicua raccolta di opere plastiche, pittoriche e grafiche dell'artista Giuseppe Graziosi (1879-1942). Dopo una prima collocazione presso l’Istituto San Paolo, nel 1994 la Gipsoteca è stata allestita a piano terra di Palazzo dei Musei.
... 
Scopri di più
Visita la gallery