Skip to content Skip to navigation

Sezioni

Gli studenti del Venturi si prendono cura dei Mutinenses

Per la classe 4B dell'Istituto A. Venturi di Modena prende il via uno stage che prevede la pulitura dei monumenti funerari del Lapidario Romano del Museo Civico

Si prenderanno cura delle stele e dei monumenti funerari lasciati dagli antichi cittadini romani di Mutina per preservarne la memoria. Sono ragazze e ragazzi della classe 4B dell'Istituto d'Arte A. Venturi di Modena che iniziano un'attività di depolverazione e manutenzione dei materiali in pietra conservati nel Lapidario Romano del Museo Civico, al piano terra del Palazzo dei Musei.
Si tratta di un'attività di manutenzione ordinaria che include pratiche della conservazione preventiva e per questo ben si inserisce nel percorso per l'acquisizione di competenze trasversali e orientamento professionale (P.C.T.O.) della classe. A sovrintendere i lavori, oltre allo staff del museo, un tutor esterno che ha progettato e dirige i lavori, Roberto Monaco, già restauratore presso  la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la città Metropolitana di Bologna e per le Province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara.
Obiettivo del progetto è quello di sviluppare un'esperienza formativa e metodologica applicata a interventi manutentivi su superfici lapidee, con una formazione che si divide tra illustrazione teorica e dimostrazioni pratiche di puliture meccaniche delle superifici di reperti lapidei di età romana.
L’attività pratica viene accompagnata da lezioni di approccio al restauro e di contestualizzazione storica e museografica dei reperti, per questo all'esperienza viene inclusa una visita approfondita alle sale del Museo Civico, al Palazzo dei Musei e alla sala multimediale Avia Pervia.

Gli studenti, inoltre, documentano le diverse fasi di lavoro con riprese fotografiche e audio-video che saranno utilizzati per la realizzazione di materiale grafico (locandine, manifesti, opuscoli) di promozione e valorizzazione dei progetti svolti in collaborazione con il Museo Civico.