Skip to content Skip to navigation

Sezioni

Flavio Favelli - Ciro Menotti 1928-1949

L'opera murale di Flavio Favelli, inaugurata ad apertura festivalfilosofia, induce a riflettere sul rapporto tra storia e memoria

Flavio Favelli. Ciro Menotti 1928-1949

A cura di Serena Goldoni e Cristina Stefani

Dal 17 settembre 2021
Muro esterno Palestra Panaro
via del Carso, Modena
 
Falvio Favelli, invitato dal Museo Civico di Modena a progettare un'opera connessa al tema del festivafilosfia, libertà, e alla figura di Ciro Menotti, realizza una pittura su muro che si allontana da una rappresentazione celebrativa,  presentando un altro "Ciro Menotti", il sommergibile della Regia marina italiana attivo dal1928 al1949, emblematico dell'appropriazione ingannevole da parte del regime fascista di eroi e patrioti risorgimentali, simbolo dell'Unità e della libertà dello Stato italiano. L'artista lo interpreta utilizzando la tecnica pittorica razzle dazzle, "tranello", brevettata per cammuffare le navi militari della prima guerra mondiale attraverso semplici segni in bianco e nero e sperimentata negli stessi anni dalle avanguardie storiche.
 
 
 
BIOGRAFIA

Flavio Favelli (Firenze, 1967), dopo la Laurea in Storia Orientale all'Università di Bologna, prende parte al Link Project (1995-2001). Ha esposto con progetti personali al MAXXI di Roma, al Centro per l’Arte Pecci di Prato, alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino, alla Maison Rouge di Parigi e al 176 Projectspace di Londra. Partecipa alla mostra “Italics” a Palazzo Grassi nel 2008 e a due Biennali di Venezia: la 50° (Clandestini, a cura di F. Bonami) e la 55° (Padiglione Italia a cura di B. Pietromarchi). Nel 2008 realizza Sala d’Attesa ambiente permanente nel Cimitero Monumentale della Certosa di Bologna che accoglie la celebrazione di funerali laici. Nel 2015 l’opera Gli Angeli degli Eroi viene scelta dal Quirinale per commemorare i militari caduti nella ricorrenza del 4 Novembre. Nel 2017 il progetto Serie Imperiale vince la seconda edizione del bando “Italian Council”. Nel 2019 ha una mostra personale a Ca’ Rezzonico, uno dei musei della Fondazione Musei Civici a Venezia, ed esce libro d’artista Bologna la Rossa edito da Corraini Edizioni.